Cesare Valle Forlì

Architettura in Romagna

18 settembre – 25 ottobre 2015
mostra
Cesare Valle
Un’altra modernità: architettura in Romagna

Cesare Valle casa Gil Forlì
Cesare Valle casa Gil Forlì immagine d’epoca

Studio Valle sito

Cesare Valle Wikipedia

feature image
mostra Cesare Valle Forlì imagecredits atriumroute.eu

Ex Gil
viale della Libertà 2
Forlì

«Il restauro e quindi la restituzione dell’ex casa-stadio dell’Opera Nazionale Balilla ai cittadini forlivesi, dopo anni di degrado e di abbandono, si presenta come la migliore occasione per celebrare attraverso un’esposizione la figura del suo progettista, l’ingegnere romano Cesare Valle, architetto per vocazione e formazione. Valle ha portato a Forlì negli anni Trenta, attraverso il veicolo dell’Opera Nazionale Balilla, quella modernità “altra”, che significava il suo accostarsi al moderno senza eccessi, senza prepotenti radicalismi, e infine per quel suo modo di testare il contemporaneo attraverso la tradizione. Grazie alla ricca documentazione conservata nell’archivio romano degli eredi dell’architetto, generosamente prestata per questa esposizione ,si è potuto affrontare per la prima volta e in maniera sistematica tutta l’opera svolta da Cesare Valle a Forlì e nel suo territorio provinciale, comprensivo anche dei progetti non realizzati. L’esposizione tenta di porre fine ad una diffusa disattenzione storiografica verso una pleiade di ingegneri e architetti, operanti nello spazio temporale compreso fra i due eventi bellici della prima metà del XX secolo. Una disattenzione critica e storiografica spesso frutto di una provinciale diffidenza verso una generazione di professionisti ritenuti “minori”, ma che in realtà sono stati i veri costruttori delle città: professionisti disponibili ad accettare la scommessa sia di dare soluzione al complesso rapporto fra restauro e nuova architettura, sia di adeguarsi all’internazionalismo europeo, sia infine di esprimersi con spontaneità a maniere del passato, nell’ipotesi di trovare attraverso di esse un linguaggio adeguato ai tempi moderni».